venerdì, marzo 16, 2007

porno & rivoluzione




Sul blog di Sir Percy Blakeney, rispondo ,così per caso, ad un post in cui Percy denunciava la censura televisiva sul porno, con una banale osservazione di stampo marxista, e cioè che secondo me , il porno in tv lo censuravano non tanto per ragioni morali, ma economiche.

Un tipo, evidentemente di destra, dice che io, “della sinistra radicale” (mah) ,
propago balle sull’oligarchia e di fatto sostengo un governo repressivo, con cui avrei un rapporto controverso, perché gli sto contro, ma l’ho votato. Quindi avrei appoggiato la politica di censura (dei pornazzi), anche se spaccio balle per giustificarlo, perché in fondo, dandovi una motivazione economica, lo giustifico (tutto cio’ con contorno di “con silvio berlusconi questo non sarebbe mai successo”).

Un ragazzo ( un brillante giovane proletario, pipparolo&razzista ) ci racconta i suoi gusti sessuali e la sua delusione, in quanto parte economicamente debole della società, quindi impossibilitato, per ora, a procurarsi il digitale terrestre, per la soppressione dei pornazzi dalla tv analogica.

Allora io gli faccio notare che si poteva ribellare prima, quando hanno annunciato l’introduzione ( a mio avviso forzata) del digitale terrestre.

Ma il ragazzino è fissato, lui non scopa, poraccio, le extracomunitarie gli fanno schifo e deve fare le rate per vedersi il pornazzo. E siccome non trova solidarietà presso i compagni (che l’amico suo, anonymous, che vota Berlusconi dice che sono “falsi moralisti pidocchiosi”) allora non ha dubbi: voterà per Silvio, perché..una cosa così…non sarebbe mai successa.

L’ospite berlusconiano ha più spessore, capisce i limiti del marxismo (lui che ne capisce di economia…) si lancia in un’analisi della politica dell’occupazione, tra l’altro, facendo notare come quest’iniziativa del governo (di censurare i pornazzi sulla tv analogica), metterà in mezzo alla strada gli operatori dei call center erotici, che non avranno piu’ da lavorare perché s’interrompe il loro canale pubblicitario privilegiato.
Una visione filoliberista ben motivata, non c’è dubbio.

Se la pensano tutti come il “razzista appartenente alla classe popolare” non avranno problemi.
Per non parlare poi della mamma cristiana che è favorevole, perché il suo figliolo di 20 anni potra’ seguire meglio gli insegnamenti “del cristo”.

Così è la vita: a volte una si imbatte in una discussione futile, nel mondo dei blog. Interviene, pensando di fare un’osservazione, non dico intelligente, ma ragionevole, e s’imbatte in connazionali il cui spessore argomentativo e politico è veramente di basso livello. Allora fa l’errore di continuare e si rende conto che c’è solo da cominciare a scavare. Nello stesso tempo, però, diviene evidente che la molla dell’interesse politico, almeno in Italia, oggi , non è la tav, non è la base di Vicenza, non è la partecipazione alla guerra.

L’apatico cittadino italiano, che normalmente starebbe spalmato sul divano a vedere le partite, improvvisamente si alza e si mette al computer. Arriva al blog “vivere e morire a como” dove si parla del pornazzo censurato in tv e non riesce a frenare il rigurgito di passione politica, finora seppellita tra i cuscini del divano, come la schedina e il telecomando.

Chissà se, in nome del porno, gli italiani farebbero la rivoluzione...?

9 commenti:

Lameduck ha detto...

Mah, cara Cloro, l'altra sera ho assistito ad una lap-dance da Chiambretti che forse sarebbe stato meno imbarazzante un evergreen di Moana. Censureranno pure i varietà o solo i film, magari d'autore? Ribruciamo "Ultimo Tango"? A me questi rigurgiti censori mi fanno venire l'orticaria.
Sperando che tu non mi consideri porno la cara Edwige ;-), ti dico che su Sky, a pagamento, c'è di tutto, genitali compresi. E' quello il discrimine. Se vuoi vedere tutto, paga. E' questa l'immoralità di merda della nostra società. E concludo dicendo 1) meglio un bel pornazzo che una mina antiuomo e 2) il vero porno al giorno d'oggi sono i telegiornali. Un abbraccio

Carlo Gambescia ha detto...

Caro Cloro,
So benissimo che la tua è una provocazione. Alla quale rispondo con una battutaccia, da "Dottoresse del Distretto, eccetera": ma si può fare la rivoluzione con una mano sul telecomando e una... ? Non credo proprio. Perciò gli italiani "interessati" al porno analogico non la faranno. La rivoluzione.
Ciao,
Carlo

orso ha detto...

vai con la porno-rivoluzione!!
che dire cloro, ho dato una letta ai post del blog in questione, non mi hanno stupito più di tanto, forse ho provato un po' di apprensione per il ragazzo di 20 la cui mamma ha consegnato a un certo "don luigi" perchè ha sorpreso il figlio a vedere un porno...povero ragazzo
ciao cloro
saluti libertari
orso

Anonimo ha detto...

Cari miei.........

io rinnovo l'invito a tutti gli esperti di intromissioni......
Sabotiamo il sistema economico mondiale, creiamo una depressione economica mostruosa peggio di quella dei primi anni del '9oo americano...
Questa e' l'unica rivoluzione possibile oggi !!!!!!!

Conti finti, spostamenti di capitali, sparizione di capitali, facciamo fallire il sistema economico in maniera tale che avremo la strada libera per costruire una nuova umanitá .
Bisogna saper prendere gli insegnamenti, gli Americani cosi feceró .

deepaction

meinong ha detto...

Vuoi vedere che è vero che "Tira più..."...
Sarebbe uno scandalo...
:-)))

In tutto questo,
risuona come monito il grido dall'albero di Ciccio Ingrassia in "Amarcord".
Almeno quello era uno che sapeva cosa voleva.
Se proprio c'è bisogno delle immagini, basterebbe un po' d'immaginazione

Pensatoio
pipparolo professionista

Elisa ha detto...

eh eh eh
io sono decisamente per il porno possibilmente live ;)

cloroalclero ha detto...

x Lameduck: pure a me fanno skifo le censure (poi voglio dire, i politici che fanno i moralisti "per gli altri" fan cagare alla milionesima potenza, proprio) però volevo sottolineare come gli italiani scattano come molle, quando gli tocchi il pornazzo sull'analogico. Cio' fa ridere ed è triste, nello stesso tempo. Un abbraccio.
Cloro.

cloroalclero ha detto...

x Carlo: sicuramente no. Come è evidente, ad incazzatura estemporanea, seguono le rate per la pay tv.:-(
xOrso. Tristissima. Condanna il figlio ad un'esistenza di emarginazione e di disadattamento, secondo me.
Saluti libertari.
x DeepAction: e come si fa, nel nostro piccolo a boicottare l'industria fino a creare una crisi tipo '29?
x Italo: beh, in effetti volevo intitolarlo "tira piu' un pelo di..." che i libri di carlo marx. Ma mi sembrava offensivo (nn so se x i marxisti o per i pipparoli)
Pipparolo di professione? xke sei filosofo o...:-D
vabbe'...
x Elisa: pure io la vedo come te.
Meglio il live, decisamente.
Un abbraccio ed un saluto libertario a tutti.
Cloro

Anonimo ha detto...

Ciao Cloro, premesso che la depressione economica io non la auspico per la mancanza di porno :):):):)

Questa in larghe linee e' la fantasia : http://deepactions.blogspot.com/

Ciao
Deepaction