sabato, maggio 19, 2007

Who is the fascist?



Il titolo di questo post, l'ho parafrasato dal video "Who is the terrorist" in cui un guppo rap palestinese canta delle sofferenze del suo popolo e che ho già proposto.

Ma l'argomento di oggi è il "fascismo". Il nucleo significativo di questo vocabolo, spesso usato a sproposito. Qualcuno lo considera un pesante insulto, qualcun altro meno.

Premessa 1 : io ho pubblicato il post di Dacia Valent, non perchè sia d'accordo con Faurisson, che peraltro non conosco (conosco Irving e la sua storia allucinante, però) ma perchè condivido il pensiero di Dacia nella fattispecie del diritto di professare qualunque pensiero (e quando dico qualunque, dico anche che tollero di sentire in giro che l'esercito di sua maestà britannica brillava per morale e correttezza, quando mio padre fu torturato dagli inglesi dopo El Alamein) idea che da sempre è stata mia, come sa chi mi
segue.

Premessa 2: niente di personale.
Faccio solo un esempio dell'ennesima manipolazione concettuale e logica, che, guardacaso, proviene da un un'oscura blogger, che la vita mi ha condotto - mio malgrado - a tentare di non frequentare in rete, ma che mi ritrovo tra i ball,
quando meno me l'aspetto .

Allora: comincerò col dire che tra questo blog e questo altro blog, ritengo, senza ombra di dubbio, fascista il secondo.
Trattasi di signora poco nota per il suo fanatico filosionismo (al punto che mi diede della "serial killer" poichè avevo osato postare il filmato di un pestaggio israeliano ai danni di un palestinese, in un contesto, nel suo blog, dove dipingeva alcune "scene liriche" di "abitudini di vita" del popolo di Israele)

Oggi la incrocio sul blog di Dacia Valent, ove si commenta il suo post su Faurisson e vedo che scrive:


Faurisson nega che ci sia stata una volontà specifica di sterminio: io non sono una storica e non mi interessa minimamente discutere i dettagli dello sterminio, le migliaia di morti in più o in meno. Ma so che venivano a prendere i novantenni moribondi NEI LORO LETTI, in tutta l'Europa: senza intenzionalità di sterminio? Eh? So che non bastava usare tutte le risosrse di cui si disponeva per nascondersi, se non si aveva culo IN TUTTA EUROPA si veniva presi, con i propri vecchi, neonati o malati e deportati nei campi, e NON LI ABBIAMO VISTI TORNARE, bastardi che siete, e ora dobbiamo anche sentire queste vaccate DALLE CATTEDRE DI QUESTO PAESE LURIDO E COMPLICE?

Tutta la mia totale solidarietà al macellaio del ghetto Di porto, e ai suoi ceffoni a Faurisson e a Moffa.


Allora: il paese "lurido e complice" è l'Italia. Quella per la quale non hanno sofferto solo i parenti di Rosalux, ma i parenti di tutti.

Noi non siamo loro. Il rispetto dev'essere reciproco sopratutto per questa ragione, che, a priori, nessuno puo' immedesimarsi nelle sofferenze dell'altro.
Mio padre fu torturato perchè "non collaborazionista"* , ovvero non aveva aderito al cambio di bandiera dell'8 settembre. Per il resto, nel paese LURIDO E COMPLICE, si è sempre comportato da galantuomo, durante e dopo la guerra.

Ora, non solo Rosalux pretende di avere il monopolio della sofferenza bellica e della classificazione di un'intera collettività (che poi "dovrebbe" essere anche la sua Patria), ma poi, sul suo blog scrive:

Voglio esprimere con parole misurate la più vivida solidarietà ai metodi correzionali non violenti del macellaio del ghetto Di Porto, che è riuscito eroicamente a raggiungere con un ceffone - pur mancando il porco fascista Faurisson - per lo meno quel lurido bastardo di Moffa.

PS.
Non essendo una storica, lascio discutere gli accademici su quanti siano stati i milioni di morti. Mi limito a costatare che gli ebrei, neonati moribondi o novantenni che fossero, venivano stanati CON OGNI MEZZO, in tutta Europa, dai loro nascondigli e deportati nei campi, e che dunque chiunque neghi l'intenzionalità dello sterminio è un bugiardo fascista, che merita i metodi non-violenti del ghetto di Roma tanto quanto un esponente del KKK merita i metodi non violenti del ghetto di Harlem, altro che entrare nelle università


Allora: la prima cosa che noto è che il post s'intitola "Dal ghetto con amore" e mi vengono in mente le belle bimbe israeliane


che firmarono, all'epoca della guerra col Libano, i missili che poi sono caduti su Beit Hanoun e su altri obiettivi beccati "per errore"( e provocando molti risultati come questo) , proprio con la frase "die with love".

Lei l'amore lo fa provenire dal suo quartiere (il ghetto di Roma) diretto al macellaio ebreo, figlio di un deportato, che per questa ragione, con alcuni suoi complici, ha raggiunto Faurisson (e il prof claudio moffa che lo ospitava) per prenderli a schiaffi (metodo, per Rosalux non violento. ).
Faurisson (praticamente ottantenne) è riuscito a evitarli, mentre il prof Moffa è stato colpito.

Per carità, non è morto nessuno e nessuno è stato ferito gravemente, ma cio' non toglie che questi si siano comportati da squadristi. Come si comportarono da squadristi coloro che pestarono il rabbino Friedman ad Auschwitz.

Per me il fascismo è questo. La vigliaccheria. Se Friedman fosse stato armato o Faurisson fosse stato scortato, sicuramente le squadre di vigliacchi non ci sarebbero andate.
E' la stessa vigliaccheria dei 100 contro uno fascisti che uccisero Di Nanni. Dei 10 contro 1 che andavano a far bere l'olio di ricino a mio nonno. Delle 5 o sei persone che, come dice Dacia, si son fatti centinaia di km per andare a pestare un vecchio. I risultati possono essere inoffensivi o possono essere "degli errori umani" israeli mode (che sarebbe successo se a Faurisson fosse preso un colpo?)


A questi fascisti, Rosalux profonde solidarietà e, aggiungerei, "commozione" per l'"alta nobiltà del gesto".
Del resto, chi appoggia la politica sionista in quel modo, capisco abbia sentimenti coerenti all'ideologia.
A me invece la violenza accompagnata alla viltà fa schifo senza riserve.

Proprio quel sentimento profondo che insorge quando vedo il "forte" che sputa in faccia, umilia e vessa il debole, proprio sapendo e godendo della sua debolezza, perchè vi intravede il fantasma della sua potenza, il proprio cazzo illimitato, si sente dio, si sente superman e sente che nessuno può o vuole fermarlo piu'.

A casa mia si chiama "sadismo". Che si espleta in un semplice e poco grave schiaffo al debole (alla moglie?), ma anche nelle bombe tecnologicamente avanzate ( e non convenzionali) di Israele e degli Stati Uniti. E' un microcosmo che ha un corrispettivo nel macrocosmo e che per quante parole ci puoi spendere, ne merita a buon diritto solo una: "fascista".

*Poichè gentaglia di livello sotto le suole insinua ( o dice apertamente, ma anonimamente) che mio padre sarebbe "complice dello sterminio, faccio presente ai lettori che egli , arruolatosi a 16 anni nell'EI , in artiglieria era un artificiere, chiaro? la sua opera, in guerra, era far brillare le mine o far esplodere le bombe. (questo lo dico per i vigliacchi da 4 soldi che dicono "fascista" e godono al pensiero di picchiare un vecchio)
Ora: quando fu catturato dagli inglesi egli non accettò di fare il medesimo lavoro per l'esercito inglese (che avrebbe risparmiato suoi artificieri in caso di incidente).Per 'sta ragione fu torturato. Poi andò prigioniero degli yankees, che, devo ammettere, lo trattarono bene.
Questo pure lo dico alla faccia di chi, vigliaccamente, insinua che io ho ragioni familiari per "sostenere il fascismo". Brutte persone (esteriorimente ed interiormente) che non meritano nemmeno l'ossigeno che respirano.

17 commenti:

korsaro ha detto...

tieni credo interessante http://www.chiarelettere.it/ da vedere più che leggere è un video
serena domenica ..

Anonimo ha detto...

Scusami cloro non avrò capito o non so che cosa, ma che cosa vuole dire io reputo più fascista questo blog che quell'altro???
Aquila

Cloroalclero ha detto...

reputo: trovo
nn è chiaro?

carlo gambescia ha detto...

Cara Cloro,
Buongiorno. Ho trovato il tuo post molto interessante e “agguerrito” come tutto quel che scrivi. Però - ecco c’è un però. Andrei piano con l’uso a 360 gradi del termine fascismo.
Perché si corre il rischio di farne una specie di contenitore dei mali assoluti del mondo. E così di incorrere nella demonizzazione (sostanzialmente moralistica), di un avversario politico, fino a trasformarlo in un nemico assoluto (“dell’umanità”), e in fonte di possibili “controrepulisti”, altrettanto feroci e totali, come appunto temeva Carl Schmitt (come tu ben sai…) . Il discorso, ovviamente vale anche per altri ismi, come liberalismo, comunismo, eccetera. Andrebbero sempre distinti - credo - i due piani: quello politologico e sociologico (per non parlare di quello storico) da quello retorico-moralistico. Molto pericoloso, quest’ultimo, per i suoi “effetti di ricaduta” su coloro che vivono solo di parole d’ordine…
Nel caso che tu affronti parlerei di totalitarismo, sul piano sociologico, o di presenza di tendenze totalitarie, e di militarismo ( di tipo prussiano, vecchio stile, se proprio vuoi un esempio storico, alla lontana…) su quello politologico.
Scusami per queste note un po’ confuse…
Un caro saluto,
Carlo

P.S.
Grazie per aver ripreso il mio testo su Parisi. Ariciao, Carlo

Anonimo ha detto...

http://ritvanarium.splinder.com/post/12274275/INFANZIE+VIOLATE

Ti aspetto al Dialogo, se vuoi !

Davide di Ritvanarium

Cloroalclero ha detto...

Caro Carlo, sono veramente d'accordo con te. Diciamo che nella fattispecie ho solo cercato un significato condivisibile. Quello che mi appariva piu' "esteso" in senso aristotelico: dove reperire, oltre ogni orizzonte storico, sociologico ecc..il nucleo dell'accezione "negativa" del termine .
E' chiaro che non siamo obbligati ad usarlo per queste categorizzazioni morali. Probabilmente non ha neppure senso farlo. Ma siccome il contesto comunicativo era quello in cui il suddetto termine è stato usato in tal modo, non da me,(con riferimento all'ormai antica tradizione dei "compagni di indymedia" you know what I mean?) ho cercato di sviscerare la semantica di quest'accezione, girando l'argomentazione "contro". Nell'orizzonte stesso del suo uso in questa contingenza...perchè per il resto, condivido le tue perplessità.

Carlo Gambescia ha detto...

Grazie della risposta.
E ciao,
Carlo

Lestaat ha detto...

A me piace molto di più usare reazionario invece che fascista infatti.
L'anti-fascismo lo considero quasi alle stregua del sionismo ormai.
E' diventato talmente simile ad un dogma che spesso nessuno di quelli che lo mettono al primo posto tra le proprie priorità si dimentica che è sempre bene ascoltare chi non la pensa come noi.
Basta guardare con quale acredine e con quale superficialità gran parte del mondo "di sinistra" liquida e ridicolizza senza conoscerle, le idee di gente come Irving o Blondet, solo ed esclusivamente perchè vengono considerati nemici.
In fondo, questo è il gioco del potere, da almeno 3000 anni, "dividi et impera"

Anonimo ha detto...

sei la degna erede di un padre fascista, complice dello sterminio. Sei una merda come lui. E mi fanno pena le tue figlie, a cui è toccato per sorte una madre di merda, violenta e isterica. Se sono persone intelligenti prima o poi ti sputeranno in bocca.
federico

ps. spero che almeno ti caccino fuori da kilombo per questo post.

Cloroalclero ha detto...

Tu invece sei impastato della stessa merdosa vigliaccheria anonima di coloro dalla cui parte stai.
Io spero che tu crepi, bastardo schifoso figlio di una puttana, che ti cresca un cancro in bocca per aver menzionato mio padre.

Anonimo ha detto...

Federico vergognati un attimo, anzi vergognati per tutta la tua vita fai schifo. Esempio di una persona che va in piazza con la bandiera della pace e poi torna con le mani piene di sangue e la faccia distrutta dalle botte prese. Vergognati.
Aquila

Anonimo ha detto...

quello li federico e rosalux nei commenti al suo post dice la stessa cosa che in questo commento federico.

orso ha detto...

oh signur....
lascimo perde che tanto ti sai difendere da sola ;-)
ottimo post ed ottimo il completamento del discorso con i commenti di gambescia ed ancora il tuo...
anche se sinceramente, la differenza tra i due blog è davvero minima...
ciao Cloro
orso

GeneralCarlitos ha detto...

ottimo davvero... siamo anke noi anarchici.... questo e' il ns blog:
http://mavaffanculp.blogspot.com/

possiamo inserirci link a vicenda?

la mail e' generalcarlitos@gmail.com

Respect.

Carlo

Sir Percy Blakeney ha detto...

Bello il video un'accozzaglia di falsita cantata in una lingua a noi sconosciuta, che presto diverra lingua anche in italia.
Un video dove si mostra che i bambini sono usate come sagome mobili, ora non mostrare Israele per quello che non e'!
Mostra i video delle bombe sugli autobus oppure quelle nei ristoranti..
Cara Cloro ... capisco.. l'invidia di non essere ebrea e' molta ma e' cosi siamo un circolo chiuso... :-)

Cloroalclero ha detto...

Un video dove si mostra che i bambini sono usate come sagome mobili,

sì. Per il poligono personale degli israeliani.

nn è vero che sono invidiosa, sono anzi speranzosa, perchè prima o poi, "sarà ebrea anch'io" (non lo so perchè ma qualcuno lo dice...), quindi combatterò il nemico dall'interno. Invece c'è chi non lo è, o lo è per metà, che l'invidia lo rode come un cancro.

è vero o no?

Furio Detti ha detto...

don't feed the trolls, cara Cloro....

l'anonimato (imbecille perché rilevabile tramite IP) di chi insulta qualifica questi fessi per quello che sono.

probabilmente sociopatici rimasti cocentemente orfani di quella cloaca che era diventata Indymedia Italia, la quale garantiva anonimato - e direi un supporto e surrogato di integrazione sociale a rischio zero - a troppi fessi: leoni dietro una tastiera, poveri cagasotto nella vita vera.

dite la verità cazzari: Indymedia Italia vi manca....

ignorarli è la migliore strategia.