giovedì, gennaio 25, 2007

Via dall'Afghanistan,subito, senza indugio alcuno...


Certo, un D'Alema ministro degli esteri c'era da augurarselo come un attacco di emorroidi.
Tutto sommato in Italia succedono cose incomprensibili. Non per loro, chè conoscono bene la materia vera della faccenda, ma per noi, che osserviamo allibiti (parlo per me) l'andamento della "politica" estera(si fa per dire) qua in Italia...

Già da Santoro avevo osservato la faccia di Franca Rame- quando Telese le aveva giustamente ricordato il suo voto, favorevole alla missione militare in Afghanistan- farsi progressivamente di palta inespressiva.
Dal corriere dell'altro ieri (risparmio sulla carta stampata. Un paio di chili di "10 piani di morbidezza" per la famiglia ci entrano..)apprendo che sulla missione in Afghanistan c'è dissenso nel governo. Soprattutto al senato , pure gente non eletta dalla "sinistraradicalechericattaprodi". "bene" mi sono detta.
Poi leggo che alla camera, Pecoraro Scanio dice che lui voterà il rifinanziamento della missione a certe condizioni: finanziare pure missioni di pace, governative, quindi pagate da noi, lasciando là tutto il resto(Corriere della Sera 23/1/07).
A lui questa sembra un'equa proposta di compromesso.
Se non voteranno i senatori e i deputati che dovrebbero votare il rifinanziamento, Prodi dovrà appoggiarsi al voto di fiducia del Polo delle Libbertà (2b apposta) che lo ricatterebbe di brutto
Poi leggo che D'Alema dice che non esiste, che dobbiamo fidarci di lui, che sta lavorando per una svolta" ma che "uscirne è impossibile..." Oh bella...e perchè è impossibile??? spiegacelo una volta per tutte...
"Perchè, dice D'alema, ne andrebbe della nostra credibilità internazionale..."
Nel frattempo leggo, altrove, che Fini si è incontrato con Condolleza Rice "che l'ha ringraziato per l'allargamento di Vicenza" (ma non c'era una battaglia ancora in atto???" e che Fini "Le ha garantito il voto sull'Afghanistan"
MA COME, FINI NON E' ALL'OPPOSIZIONE?
Tra l'altro: La storia di Vicenza viene addotta come motivo del no all'Afghanistan da parte de senatori che dicono che voteranno no.
Poi, ancora: D'Alema ha "rimproverato Frattini per aver usato toni troppo schietti , criticando l'attacco unilaterale portato dagli USA alla Somalia." Le parole esatte della risposta, alla domanda rivolta a D'Alema (ho i conàti di vomito)su che comportamento avrebbe dovuto tenere Frattini, volendo criticare l'America (USA):
"Non c'è nulla di particolare da fare. E' una cosa che richiede più autocontrollo da parte di chi ha responsabilità".(Corriere della Sera 23/1/07).
PER ESEMPIO: LUI DOVREBBE AUTOCONTROLLARSI, QUANDO VEDE UN AMERICANO,ASTENENDOSI DALL'IRREFRENABILE VOGLIA DI PASSARGLI LA LINGUA SUL CULO.
cHIUDO QUI, PERCHE' avendo appena mangiato, mi è venuta la nausea. Continuo dopo.
ciao

10 commenti:

mikecas ha detto...

un post per niente viscerale, con una analisi politica completa e super-partes ed una chiara visione del ruolo internazionale dell'Italia....
Complimenti....
:)

cloroalclero ha detto...

ed una chiara visione del ruolo internazionale dell'Italia....

LO ZERBINO?

Anonimo ha detto...

Credibilità internazionale=far sì che si puliscano la merda sotto le scarpe comodamente sulla groppa italiana

sermau ha detto...

infatti è solo un gioco delle parti....

mario ha detto...

A me non sembra un'analisi super partes. Perché come sono le analisi super partes?
(ho capito, è solo un pò d'ironia)

Anonimo ha detto...

lo zerbino, sempre più senza pelucchi perchè ormai la gente dell'Italia con questi politici se ne pulisce le scarpe dalle merde...

Anonimo ha detto...

SCUSAMI CLORO, MI SONO DIMENTICATO ERO IO NELL'ULTIMO COMMENTO DI QUELL'ANONIMO...
ciao
aquila tricolore, de ilnazionalista.splinder.com

Anonimo ha detto...

Complimenti per il blog!! Molto critico e pungente. Ciao da Giuseppe (angeliedemoni).

orso ha detto...

ma questi sono tutti sotto-segretari degli USA! ora ti saluto perchè anche io ho un po' di nausea...ciaoo

cloroalclero ha detto...

Ciao a tutti e grazie di essere passati. Certo, tornare in possesso della sovranità nazionale e non unire i nostri destini al criminale Bush, mi pare veramente il minimo...